Escursione partendo da Santa Cristina al Col Raiser, rifugio Firenze e arrivo al Seceda.

L’escursione al Col Raiser e alla vetta del Seceda permette di visitare il parco del Puez Odles e godere di quello che considero il miglior panorama che si può ammirare nella Val Gardena. La vista che si apre una volta arrivati a 2.500 metri è splendida e spazia sul Sella, il Sassolungo e l’alpe di Siusi.
Per chi desidera un percorso più impegnativo è possibile evitare di prendere la funivia del Col Raiser e salire direttamente da Santa Cristina come descritto nelle varianti.

Il percorso è semplice con una lunghezza e dislivello che lo rende adatto anche alle famiglie. Non c’è nessun tipo di pericolo e le salite sono sempre moderate. In caso di affaticamento inoltre si può rientrare dalla cima del Seceda a Col Raiser utilizzando una seggiovia.
Il panorama è stupendo e il sentiero vi condurrà attraverso alpeggi incontaminati verso la vetta del Seceda facendovi scoprire in continuazione angoli incantevoli. Le pareti verticali del Puez Odles che si staccano decise dal verde dei prati, con la costante presenza per tutta la passeggiata di un panorama a 360 gradi sulle montagne della Val Gardena, rendono questa escursione indimenticabile.
I sentieri sono in ottime condizioni e i punti di ristoro numerosi permettendo a tutti i tipi di pubblico di godere della bellezza di questi luoghi.
Arrivare in macchina alla partenza della funivia per il Col Raiser è semplicissimo e su comoda strada. Un ampio parcheggio su più piazzali permette in fine di trovare facilmente posto per l’auto.

LeMontagne.net è anche sui social: seguimi su:
YOUTUBE, FACEBOOK e INSTAGRAM.

Mappa e profilo altimetrico

template mappa sentieri

Itinerario per il monte Seceda

Arrivati al paese di Santa Cristina si seguono le indicazioni per la funivia del Col Raiser dove troverete un ampio parcheggio per lasciare la vettura.
Prendete la cabinovia che vi porterà a quota 2.100 in una posizione dove i più pigri potranno già decidere di fermarsi e riuscire comunque a godere di un panorama meraviglioso.
Verso sud la vista si perde verso il gruppo del Sassolungo e l’alpe di Siusi.

gruppo sassolungo dal col raiser

A nord e a est possiamo ammirare il Gruppo del Pues-Odles.

gruppo puez odles dal col raiser

Seguite la strada principale che in 100 metri vi porterà al rifugio Odles. Svoltate a destra lungo il sentiero 4 in direzione rifugio Firenze. Il sentiero scorre attraverso un bosco, è in perfette condizioni e può essere percorso anche da passeggini.

sentiero verso il rifugio firenze da col raiser

In circa venti minuti arriverete al rifugio Firenze dove molti turisti si fermano per ristorarsi e rientrare all’arrivo della cabinovia.
Proseguite verso nord lungo il sentiero 13 in direzione Forcella di Mesdì lasciandovi il rifugio Firenze alle spalle.

gruppo sassolungo dal rifugio firenze

La vegetazione si dirada fino a sparire, il sentiero diventa più stretto ma sempre in perfette condizioni. Di fronte a voi avrete il gruppo del Puez Odles.

gruppo puez odles dal rifugio firenze

Alle vostre spalle invece il gruppo del Sassolungo.

gruppo sassolungo

Arrivati a una conca dove sarete circondati dalle parete di roccia svoltate a sinistra in direzione della Malga Pieralongia.

gruppo puez odles

Prima di arrivare alla malga incontrerete una particolare formazione di due gigantesche rocce posizionate a V.

sentiero verso malga pieralongia

Tra i due massi giganti potrete scorgere il Sassolungo per un’inquadratura fotografica davvero unica!

sentiero verso malga pieralongia

La Malga Pieralongia a 2290 metri è l’ultimo punto di ristoro prima di arrivare alla vetta del Seceda, ancora un ultima salita abbastanza ripida e ce l’avrete fatta!

malga pieralongia

Continuate in direzione Seceda costeggiando il fianco della montagna fino ad arrivare alla Forcella Pana.

Forcella di Pana

Da questa posizione avrete una fantastica e ravvicinata visuale sulla Grande e Piccola Fermeda.

Piccola Fermeda e Grande Fermeda
default

Il più è fatto, arrivare al Seceda ormai è una passeggiata, superate le ultime poche centinaia di metri e arrivate alla vetta posta a 2.519 metri. dove sorge uno splendido crocefisso.

vetta e crocefisso del seceda

Da questa posizione privilegiata potrete ammirare tutto l’alpeggio nella sua grande estensione.

alpeggio del col raiser

La vista potrà abbracciare anche tutta l’Alpe di Siusi con alle spalle il gruppo del Catinaccio.

alpe di siusi vista dal seceda

Dalla vetta del Seceda è molto caratteristica anche la vista sul gruppo del Puez Odles di cui potrete vedere il versante a nord che fino ad ora era rimasto nascosto.

gruppo puez odles

Dalla vetta potete scendere a ristorarvi al rifugio Seceda che è anche l’arrivo della funivia che parte da Ortisei.

rifucio seceda
default

Guardando ad est potrete osservare il Gruppo del Puez Odles da un’ottima angolazione.

gruppo puez odles dal seceda

Per scendere seguite la strada sterrata principale che con una pendenza dolce vi porterà fino al Col Raiser.
Durante la discesa la vista sarà sempre ampissima permettendovi ad esempio di vedere il monte Stevia con di fianco il Gruppo del Sella.

monte stevia visto dal seceda

Oppure il gruppo del Sassolungo. Il tutto costantemente immersi negli alpeggi puntellati da caratteristiche baite.

vista su gruppo sella e sassolungo

Seguendo il sentiero vi ritroverete al rifugio Odles da cui eravate partiti.

rifugio odles

Varianti al percorso

Variante 1 – Salire a Col Raiser senza prendere la funivia

L’escursione descritta nell’articolo pur essendo splendida non si rivela particolarmente impegnativa. Gli escursionisti in cerca di una sfida più tosta possono evitare di prendere la cabinovia e partire dal parcheggio della funivia di Col aiser e salire al rifugio Odles a piedi. In questo caso considerate che dovrete affrontare tra andata e ritorno 6,5 km di percorso e 550 metri di dislivello.

Variante 2 – Rientrare da Seceda con la seggiovia

Arrivati alla vetta del Seceda potreste decidere di rientrare sfruttando la seggiovia per la discesa. Questa soluzione consente di risparmiare 2,7 km di percorso e 400 metri di dislivello in discesa aggiungendo però una piccola salita di 80 metri di dislivello per andare dall’arrivo della seggiovia al rifugio Odles.

Clicca sulle immagini per lo zoom e poi l’icona in basso a sinistra per vederle fullscreen in 4K.