Escursione al monte Preaola partendo dalla Colma di Sormano

Il Monte Preaola, alto 1392, si trova nel triangolo lariano ed è raggiungibile dalla Colma di Sormano oppure da Palanzo.

Si tratta di una montagna poco nota al pubblico che preferisce affollare le più note e vicine cime del Palanzone, Bollettone e San Primo. La consiglio a chi cerca un percorso defilato da cui ammirare in tranquillità le montagne del triangolo lariano e dare uno sguardo al ramo occidentale del lago di Como e alle montagne che lo circondano.

monte preaola, vista verso le Grigne

Il percorso è indicato sia in estate che in inverno e non presenta difficoltà o pericoli. Si tratta comunque di un trekking mediamente impegnativo per via della lunghezza di 12 kilometri e 700 metri di dislivello. Agli escursionisti ben allenati consiglio di aggiungere una deviazione al ritorno in modo da proseguire e salire sul monte Palanzone.

I sentieri sono in ottime condizioni, solo negli ultimi 100-200 metri finali potreste trovare erba alta. Per il resto la traccia è larga, ben indicata e adatta a tutte le tipologie di escursionisti e anche alle famiglie.

Per ristorarvi potete dirigervi al vicino rifugio Riella che si trova dopo la discesa dal monte Preaola oppure al bar ristorante La Colma posizionato alla fine dell’escursione.

Arrivare in macchina alla Colma di Sormano è semplice e su strada larga che non creerà problemi anche a chi non è abituato alle strade di montagna. I numerosi posti auto disponibili permetto l’accesso all’escursione a tutti anche nelle giornate più affollate.

LeMontagne.net è anche sui social: seguimi su:
YOUTUBE, FACEBOOK e INSTAGRAM.

Mappa e profilo altimetrico

monte preaola palanzo mappa sentieri

Lasciate la macchina in uno dei numerosi parcheggi disponibili alla Colma di Sormano e salite in corrispondenza dell’osservatorio astronomico prendendo il percorso con indicazione per il monte Palanzone che dopo un primo tratto pianeggiate inizia a salire in modo deciso.

Superato il primo tratto nel bosco il sentiero prosegue pianeggiante in cresta facendovi raggiungere la Bocchetta di Caglio a 1.297 metri e accompagnandovi con uno splendido panorama sul Resegone e sulle Grigne. Continuate fino al Cippo Marelli e prendete a destra verso il Monte Preaola.

Dopo una leggere discesa il tracciato ricomincia a salire deciso fino alla vetta indicata da una piccola croce di legno circondata dai prati.

Scendendo dal monte Preola consiglio una piccola deviazione per salire anche sul vicino monte Palanzo, alto 1.357 che offre un punto di osservazione diverso sul Lago di Como.

Per il rientro ripercorrete lo stesso sentiero dell’andata.

Come variante se si vuole allungare l’escursione è possibile, una volta giunti al Cippo Marelli, continuare verso il rifugio Riella e quindi salire sul monte Palanzone. A questo punto scendete lungo il versante nord della montagna mantenendovi in cresta e ricollegandovi al sentiero principale alla Bocchetta di Caglio.
In questo modo aggiungerete un paio di kilometri di percorso e 150 metri di dislivello ma per chi ha buone gambe, l’escursione diventa davvero completa e appagante.

Clicca sulle immagini per lo zoom e poi l’icona in basso a sinistra per vederle fullscreen in 4K.